NOTIZIE > lettere_direttore

LA RIVISTA CHE PORTA NELLA NOSTRA CASA IL SANO FRANCESCANESIMO

LA RIVISTA CHE PORTA NELLA NOSTRA CASA IL SANO FRANCESCANESIMO
Credit Foto - Redazione online

Caro Padre Enzo

Sono Gina, amo San Francesco e ricevo la rivista da quasi 38 anni ma il mio interesse verso essa non accenna a diminuire, anzi ogni mese l'aspetto con impazienza perché porta nella mia famiglia un po' di sano francescanesimo del quale tutti abbiamo bisogno. Le scrivo per congratularmi con lei per il suo nuovo libro "Francesco il ribelle" che ho trovato veramente interessante in quanto ricco di particolari ma molto mirato all'essenziale rendendone scorrevole la lettura, cosa che posso dire pure del precedente Vado da Francesco che ho letto più volte. 

Le chiedo una preghiera per la mia famiglia e le auguro di continuare il suo prezioso lavoro con l'aiuto del Signore. 

Un caro saluto e un pace e bene a tutti davvero con il cuore.

 


Cara Gina,

grazie mille per le tue bellissime parole. Con la rivista san Francesco vogliamo esser vicino a tutte le famiglie che la richiedono e soprattutto vogliamo essere da faro nel buio della nostra società con approfondimenti e articoli di carattere francescano. Scopro dalla tua lettera con piacere che hai letto anche i miei ultimi due libri, grazie di cuore spero possano darti spunti di riflessione nella vita di tutti i giorni.

Un caro saluto di pace e bene

Padre Enzo




Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits