NOTIZIE > lettere_direttore

LA 'CATTOLICISSIMA' SPAGNA ALLA RICERCA DEL DIALOGO

LA 'CATTOLICISSIMA' SPAGNA ALLA RICERCA DEL DIALOGO
Credit Foto - codicicolori.com

Carissimo padre Enzo, sono Antonino e le scrivo da Sant Cugat (Barcelona). Sono da qualche anno abbonato alla vostra fantastica rivista e, come molti italiani, devoto a san Francesco. Sono sposato con una donna fantastica e abbiamo due splendidi bambini. Le scrivo perché ultimamente sono molto preoccupato per la situazione politica e sociale di questa nazione e di questo paese in cui vivo felicemente da quasi 10 anni. Mi rivolgo a Lei perché sicuramente ha dentro di sé il carisma, il desiderio di pace e di dialogo di san Francesco d'Assisi affinchè possa, non solo attraverso la preghiera, ma con la Sua presenza fisica e intellettuale, aiutare i due governi (spagnolo e catalano) a trovare la via del dialogo e un punto d'incontro comune. Le cose qui ogni giorno sembrano peggiorare e c'è la preoccupazione che la storia si possa ripetere come nel 1936. Le chiedo di poter essere un intermediatore di pace fra queste due istituzioni e che possa essere in termini rapidissimi. Mi scuso di tutto cuore con Lei però mi sento come un figlio che chiede aiuto così come nei Vangeli di Matteo 7, 7-11 e Luca 11, 9-13. Le sono infinitamente grato anche solo per leggermi e per pregare per tutti noi. Ogni cosa che possa fare di più per la pace e il dialogo è un dono. Grazie infinite di tutto cuore .... un abbraccio con infinito affetto. Pace & bene Antonino & famiglia


Carissimo Antonino grazie per la tua attenzione. Capisco benissimo le ansie e le speranze che nutri nel cuore per la situazione sociale, politica ed economica del tuo Paese. Una volta veniva definita “cattolicissima” Spagna, e la regina è tra le poche a poter indossare l’abito bianco durante l’udienza del Papa. E’ un elemento che non è nostalgico, ma rivela l’humus della terra ispanica. Le ansie sono anche le nostre in Italia. I Vescovi spagnoli si sono espressi “di fronte alla grave situazione che si vive in Catalogna, con grande preoccupazione nel resto della Spagna, vogliamo fare nostri i desideri e i sentimenti recentemente espressi in maniera congiunta dai vescovi della Catalogna… nel cammino del dialogo e nella comprensione, del rispetto dei diritti e delle istituzioni, contribuendo a rendere la nostra società uno spazio di fraternità, libertà e pace”. In questi gravi momenti, sottolineano i presuli spagnoli, “la vera soluzione del conflitto passa attraverso il ricorso al dialogo e la ricerca del bene comune di tutti”. Da parte nostra assicuriamo la vicinanza a quanti di voi soffrono per situazioni che esprimono divisioni e non unità. Portiamo sulla tomba di San Francesco le speranze tue, della tua famiglia e dell’intero popolo spagnolo. Un caro saluto di pace e bene



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits