NOTIZIE > lettere_direttore

GLI INGREDIENTI PER UN’UMANITÀ GIUSTA

di Enzo Fortunato
GLI INGREDIENTI PER UN’UMANITÀ GIUSTA

Carissimo padre Enzo, 

ho ricevuto con intima commozione il “dono natalizio” di san Francesco,

ringrazio assieme agli amici, insieme ora possiamo pregare

in sintonia. Se questo carcere è sdoganato come carcere modello in realtà,

pur tra tanti ingredienti, manca il q.b. “umano”. Per fortuna qui sto conoscendo

delinquenti molto umani, siamo una grande umanità sofferente per

il nostro passato, per il presente, ma molto più per la mancanza di futuro

al termine pena. Le rinnovo un cordiale grazie che unisco alla mia povera

preghiera.

Walter (MI)

Carissimo Walter,

la tua lettera mi riporta alla memoria l’adagio del giornalista, pacifista e attivista

Vittorio Arrigoni, ucciso nel 2011 a Gaza, “restiamo umani” con il

quale terminava ogni suo articolo. Queste due parole potrebbero essere

l’essenza del Vangelo: “In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno

solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me” (Mt. 40), è la strada

che ci invita a percorrere Gesù per costruire, con i nostri gesti quotidiani,

un’umanità buona, bella e vera. Ed è proprio con questi gesti che dovrete

costruire il vostro futuro, non lasciate che la paura insinui la speranza, siate

testimoni dell’attesa. Il regalo più bello che ci puoi donare, caro Walter, è la

preghiera tua e dei tuoi amici “delinquenti molto umani”.

Un caro saluto di pace e bene


Enzo Fortunato
Direttore della Rivista

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits