NOTIZIE > home

Il natale di Francesco - Milvia Bollati

di Milvia Bollati
Il natale di Francesco - Milvia Bollati



Pochi anni prima della morte, Francesco è a Greccio. Lo ricorda Tommaso da Celano, il suo primo biografo, che ci consegna anche il racconto di quel Natale che Francesco celebrò con i suoi frati. Prima un colloquio tra Francesco e un certo Giovanni, che pare legato al Santo da un'affettuosa e genuina amicizia. “Uomo di buona fama e di vita anche migliore, nobile e molto onorato nella sua regione, stimava più la nobiltà dello spirito che quella della carne”, come scrive Tommaso da Celano.

E Giovanni non esita ad accontentare Francesco nel suo desiderio, quello di poter vedere Il Bambino Gesù, “i disagi in cui si è trovato per la mancanza delle cose necessarie a un neonato, come fu adagiato in una greppia e come giaceva sul fieno tra il bue e l'asinello”.

Tutto viene preparato seguendo le indicazioni del Santo e la notte di Natale si popola di voci e di cori festosi. “I frati cantano scelte lodi al Signore e la notte sembra tutta un sussulto di gioia”.

Greccio è una nuova Betlemme. Sono parole di Tommaso da Celano, ma mi piace immaginarle sulla labbra e soprattutto nel cuore di Francesco, dei suoi frati e di tutti coloro che erano accorsi quella notte davanti a quella culla, in preghiera, di fronte a quel mistero di amore e di luce. La notte infatti si fa chiara e la gioia il gaudio sono nel cuore di ciascuno. Il sacerdote, che celebra l'Eucarestia sul presepe, “assapora una consolazione mai gustata prima” e Francesco, vestito dei panni diaconali, inizia a cantare con la sua voce sonora e robusta il Vangelo e poi si rivolge a tutti con parole dolcissime, rievocando “il neonato Re povero e la città di Betlemme”. Tommaso da Celano ha a questo proposito parole limpidissime: “per i meriti del santo, il fanciullo Gesù veniva resuscitato nei cuori di molti, che l'avevano dimenticato, e il ricordo di lui rimaneva impresso profondamente nella loro memoria. Terminata quella veglia solenne, ciascuno tornò a casa sua pieno di ineffabile gioia”.

Non è l'invito a lasciarci conquistare da una facile quanto breve commozione o da un bel sentimento, anch'esso fugace e passeggero.

Nulla di tutto questo. piuttosto l'invito a vedere “con gli occhi del corpo”, ma potrei aggiungere anche con gli occhi del cuore, quel Bambino che è nato per noi e che desidera nascere oggi anche in noi.


Milvia Bollati
Storica

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits