NOTIZIE > francescanesimo

UNA FRATERNITA' 'ITINERANTE'

Il convento porta il nome di Massimiliano Kolbe e si occupa dell’animazione missionaria.

UNA FRATERNITA' 'ITINERANTE'

Il convento di San Massimiliano Kolbe si trova a Roma tra il Campidoglio ed il Colle Palatino, nell’area dell’antico foro boario. Fino al 1963 era la sede del Collegio internazionale e della Facoltà Teologica “S. Bonaventura”. In questo convento san Massimiliano è vissuto sette anni, dal 1912 al 1919. 

Dopo il trasferimento del Collegio Internazionale e della Facoltà Teologica all’EUR, una parte del complesso venne concessa in affitto come albergo e un’altra continuò ad essere convento affidato alla Conferenza CIMP. Nel convento si trova la camera in cui fu fondata nel 1017 la Milizia dell’Immacolata (MI) e la Expo-Kolbe: una sintesi della vita e spiritualità di san Massimiliano.

Il convento dipende dal governo centrale dell’Ordine e la fraternità è organizzata dal Ministro generale con il suo Definitorio. Attualmente la fraternità è formata da sedici frati: cinque polacchi, tre italiani, tre indiani, un cinese, un ghanese, un nordamericano, un rumeno e uno spagnolo. È una fraternità molto “itinerante”, segno di comunione e collaborazione con il governo centrale e con l’Ordine sparso per il mondo.

Le attività dei frati sono in corrispondenza con le Delegazioni generali per le diverse aree: il Centro internazionale MI, affiancato dal Delegato generale e Presidente della MI; il Segretariato generale per la Formazione; il Segretariato generale per l’animazione missionaria, con due frati; il Segretariato generale per Giustizia, Pace e Integrità del Creato; l’Assistente generale OFMConv per l’OFS; l’Assistente e Delegato generale per le Clarisse e gli Istituti aggregati al nostro Ordine; il Comitato Esecutivo per la Revisione delle Costituzioni, quattro frati; un frate serve la Chiesa come relatore nella Congregazione delle cause dei Santi; un altro nella Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli (sezione Cina); vari frati collaborano nella docenza accademica; un frate serve la foresteria con sette camere per gli ospiti; un altro è al servizio materiale del convento e un altro collabora nel programma di esercizi spirituali di padre Marko Rupnik.

Altri piccoli servizi pastorali sono: l’aiuto per le confessioni nella Basilica dei ss. XII Apostoli, il servizio liturgico quotidiano alla comunità delle Povere Suore di San Giuseppe Bonaerensi, nostre vicine di casa; il servizio pastorale a qualche parrocchia romana e l’assistenza spirituale ad alcune fraternità dell’OFS.

di Valentín Redondo



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
UNA FRATERNITA' 'ITINERANTE'" />
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits