NOTIZIE > francescanesimo

Bruni: Assisi capitale pensiero economico diverso 

Oggi la città è sempre più vista come simbolo di un’economia diversa, spirituale, inclusiva dei poveri

di Roberto Pacilio
Bruni: Assisi capitale pensiero economico diverso 
Credit Foto - www.romena.it

INTERVISTA 

di Roberto Pacilio al Professore Luigino Bruni


 Qualcuno parlando di economia fa riferimento a san Francesco. Qual è il legame tra un certo tipo di economia la figura dell’Assisiate?
Né la Banca centrale europea, né il Fondo monetario internazionale, né il governo hanno mai parlato di san Francesco in relazione alla loro idea di economia. Indubbiamente, economisti di tradizione cattolica che conoscono la storia lo hanno fatto, perché i francescani hanno fatto cose importanti sul piano delle azioni e del pensiero. Nella seconda metà del Quattrocento, francescani come Giacomo della Marca, Giovanni da Capestrano o Bernardino da Feltre diedero vita ai monti di pietà, istituti paragonabili a proto-banche, fondamentali per un certo tipo di economia italiana ed europea. Due secoli prima, intellettuali e filosofi come Bonaventura da Bagnoregio o Guglielmo di Ockham hanno scritto di temi economici, dicendo cose importanti sulla funzione della moneta, sullo scambio e sul mercato. Quindi i francescani si collocano all’origine dell’economia di mercato come la conosciamo oggi. Alcune categorie sono legate alla lezione francescana; lo stesso Francesco era figlio di mercanti: aveva fatto cose e gesti importanti per una economia del dono. Un’economia in linea con ciò che penso anche io.

Qual è il cuore dell’economia francescana?
Anzitutto tre grandi idee. La prima è che tutto è Provvidenza. I beni e la ricchezza sono un dono, una gratuità, una grazia. Come Francesco ci ricorda, questa dimensione di eccedenza viene prima di qualsiasi dimensione di merito, di impegno individuale, di talento. La gratuità precede i nostri meriti. Poi c’è la dimensione del rapporto profondo tra economia ed ecologia. Si pensa per la prima volta a un’economia sostenibile e circolare. Non dimentichiamo che Francesco è l’autore del Cantico delle Creature. Infine, il tema della povertà scelta come via di un’economia diversa: una povertà come radice di un’altra idea di mondo di giustizia, di inclusione degli esclusi, di economia della condivisione. Francesco non solo rifiuta l’economia del tempo, ma afferma un altro modo di fare economia.

Anni fa i temi cardine del dibattito pubblico erano economia, lavoro povertà. Oggi sono i migranti. È una tecnica di distrazione di massa?
Io non credo a grandi progetti centralizzati e pianificati per fare cose cattive. È evidente che è una stagione storica in cui parlare di migranti funziona di più che parlare di economia e di lavoro. Sicuramente l’opinione pubblica percepisce come più urgenti certi tipi di discorsi. È opportunismo politico. Conviene di più, ecco perché certi politici lo fanno.

Cosa deve cambiare nella politica economica mondiale?
Oggi tutti sappiamo che è il cambiamento climatico è indiscutibile. Politiche ecomiche più rispettose dell’ambiente sono irrimandabili. E poi ci sono i grandi temi dell’Africa e dell’Asia. Non si può continuare a esultare perché l’America cresce al 3 per cento vendendo armi e petrolio. E non si può non domandarsi perché questa economia cresce e altre economie, invece, sono affamate. La dimensione della ingiustizia globale non è rinviabile ulteriormente. Il tema è enorme e legato anche a migrazioni e terrorismo.

Come giudica il pensiero del papa sui temi economici?
Il papa ha scelto il nome di un santo che ha dedicato la vita a temi economici, alla povertà, alla ricchezza, all’inclusione. Dà enorme importanza al bisogno di un’economia sostenibile ed ecologica, che non uccida, che non porti allo scarto. E soprattutto il papa sottolinea la relazione tra povertà e ricchezza.

Assisi sarà il futuro dell’economia mondiale?
Oggi la città è sempre più vista come simbolo di un’economia diversa, spirituale, inclusiva dei poveri. Sicuramente Assisi è destinata a diventare una capitale di un pensiero economico diverso.

Quale sarà il punto fondamentale, su cui fare particolarmente attenzione, dell’incontro di marzo ad Assisi con Papa Francesco?
I temi fondamentali sono quelli di giovani ed economia. Come ha più volte ripetuto il papa, i giovani sono il presente, non il futuro. Il fatto che il papa vada a Assisi per fare un patto coi giovani per cambiare l’economia di domani è una cosa profetica. Gli attuali leader sono inconvertibili, c’è poco da cambiare. Se si convocano persone già adulte si vuole dare solo un valore simbolico alle proprie azioni. Se convochi chi sta facendo un dottorato in economia, allora il valore è molto più effettivo.

 

Premio Nobel per la pace Yunus

Da quando ho incontrato per la prima volta il Santo Padre nel 2014, entrambi abbiamo convenuto che il nostro sistema economico non è affatto gentile con le persone che lo subiscono. Il novantanove per cento della ricchezza globale è di proprietà dell'un per cento della popolazione. In altre parole, il 99% della popolazione mondiale possiede solo l'1% della ricchezza.

Questo risultato del nostro sistema economico è responsabile di molti problemi del nostro tempo. Non solo la ricchezza è concentrata in poche mani, ma è anche concentrata geograficamente. Queste persone super-ricche vivono in una dozzina di paesi. Seguendo una legge naturale, la gente punta sempre a raggiungere l'epicentro della ricchezza. È come un flusso d'acqua. L'acqua scorre verso il basso, la popolazione si sposta verso l'alto. Se provi a fermare il flusso, lo supera. È fisicamente inarrestabile.

La Chiesa cattolica vorrebbe lavorare per stabilire un livello appropriato di "capitale" spirituale, sociale e materiale nel mondo. È ovvio che nell'attuale sistema economico globale ciò non può essere fatto. Il sistema attuale è una macchina che prospera continuando a raccogliere ricchezza dal basso per trasportarla verso l'alto. Più alto sei nel sistema, più ricchezza puoi accumulare. Non è perché le persone al vertice sono persone cattive, è la macchina che lo fa accadere; la macchina è costruita in questo modo. La macchina non è stata progettata per avere alcuna responsabilità morale. Almeno questo non è nella pratica. Il dibattito sulle responsabilità morali si aggiunge al dibattito per dargli uno sguardo umano. Questa macchina trasforma le persone in robot incentrati sul denaro.

Vedo minacce ambientali, povertà, migrazioni, tratta di esseri umani, schiavitù dei giorni nostri come esiti di fallimenti del sistema economico. Questo sistema, chiamato sistema capitalista, si basa su due difetti fondamentali. Entrambi sono emersi dall'errata interpretazione dell’essere umano. L'uomo capitalista attorno al quale è costruita la teoria capitalista, è una persona monodimensionale artificiale. Mentre l’Uomo Naturale è un'entità multidimensionale. Secondo la teoria capitalista, è il profitto personale che guida quest'uomo capitalista. Di conseguenza abbiamo creato un mondo esclusivamente guidato dal profitto personale. Il perseguimento mirato dell'interesse personale ha creato questa economia insostenibile. Le forze create in questa economia guidano tutta la ricchezza verso l'alto, lasciando solo un rivolo al resto della popolazione.

Se sostituiamo l'Uomo capitalista con l’Uomo Naturale della nostra teoria, possiamo creare un tipo di economia molto diversa. L’Uomo Naturale è per definizione bidimensionale, sia egoista che altruista. Richiederà immediatamente la riprogettazione della teoria per adattarla alla nuova dimensione. L'altruismo diventa la seconda forza trainante insieme all'egoismo che già esiste. Ciò porterà all'introduzione di una categoria di attività aggiuntiva come risultato - business altruistico o attività sociale, come la chiamo io. Il social business è una modello di società, di impresa, senza dividendi creata al solo scopo di risolvere i problemi delle persone. Ciò contrasta con la categoria aziendale esistente che mira unicamente al profitto personale. Come esseri umani possiamo esprimerci in entrambe le direzioni. Non sacrifichiamo nulla dalla vecchia teoria, ma acquisiamo molto nella nuova teoria aggiungendo questo nuovo business. Al posto dell'economia a scopo singolo creiamo un'economia a duplice scopo. Questa teoria darà alle persone la possibilità di esprimersi nelle imprese.

Il sistema capitalista si basa poi su un altro difetto. Presume che gli esseri umani siano nati per lavorare per qualcun altro. L’impiego è il suo destino. Solo una frazione della popolazione farà l'"imprenditore" per gestire l'economia. L’attuale teoria incoraggia la società a dare loro tutto il sostegno e i privilegi perché sono loro i capitani dell'economia. Tutte le politiche, leggi, regole e procedure devono essere convenienti per loro. Non possiamo meravigliarci se poi essi diventino l'epicentro della ricchezza.

Per me, L’ Uomo Naturale è un imprenditore, non un cercatore di lavoro. Lui / lei è pieno di capacità creativa illimitata. Il suo viaggio di vita è di liberare questa capacità creativa. L’ impiego non si adatta bene alla sua vita. L’ impiego impone restrizioni alla sua creatività. L’impiego lo trasforma in una persona in cattività economica. Siamo così accecati dal concetto attuale di occupazione che non lo troviamo innaturale nel vedere milioni, persino miliardi, di giovani creativi seduti senza fare nulla. Non abbiamo mai nel nostro sogno più selvaggio fare la domanda "Potrebbero essere imprenditori?"

Non solo potrebbero essere, è il loro destino naturale. È nel loro DNA. Il nostro modo di pensare sbagliato ha soppresso questa capacità. Una volta rimosso il nostro blocco mentale, possiamo aiutarli a trasformarli in imprenditori. Il problema della disoccupazione è creato dal blocco mentale creato dalla attuale teoria. L'imprenditorialità può essere scatenata da un'adeguata riprogettazione della teoria attuale e dai conseguenti cambiamenti nelle politiche, leggi, norme regolamentari, istituzioni finanziarie e tutto ciò che è necessario per fare affari. Oggi consideriamo i giovani disoccupati come un problema, non come una risorsa, e li lasciamo al loro destino in attesa della lunga fila di persone in cerca di lavoro.

Il sistema finanziario è stato costruito per le imprese che cercano profitto, per aiutarle a crescere. Di conseguenza è diventato il veicolo principale per facilitare la concentrazione della ricchezza.

Tutti i tentativi di orientare le persone verso il settore bancario, nella lunga storia del settore bancario, furono un ripensamento. Avemmo bisogno di leader rivoluzionari e delle loro lotte per portare l'orientamento delle persone al mondo bancario. Ma nonostante tutti questi sforzi è rimasta una nota dolente a tutto campo nel settore finanziario. Sono arrivati ​​i lavoratori, sono arrivate le banche popolari, sono arrivate le banche rurali, ma nel tempo stesso sono state addomesticate per integrarsi nel sistema bancario tradizionale, piuttosto che apportare cambiamenti permanenti nel sistema bancario tradizionale.

Più recentemente il microcredito ha fatto un grande passo avanti nel raggiungere i poveri. Ha creato un sistema bancario alternativo che sfidava le pratiche del sistema bancario tradizionale. Ha raggiunto le persone estremamente povere nei posti più remoti, così come nelle baraccopoli della città. Inaspettatamente ha portato un gruppo di persone completamente nuove nel mondo bancario: le donne povere. È diventato finanziariamente sostenibile. Ha sorpreso tutti stabilendo una lunga storia di tassi di recupero dei prestiti molto elevati in tutto il mondo, nei paesi ricchi e nei paesi poveri.

Ciò ha creato una nuova consapevolezza tra le banche principali per affrontare il problema del raggiungimento dell'obiettivo.

Stanno arrivando con nuovi servizi nell'ambito della vasta missione di inclusione finanziaria. I banchieri ben intenzionati stanno cercando di estendere il loro servizio di frontiera il più in profondità possibile. La mia impressione è che, nonostante i loro migliori sforzi, avranno un successo molto limitato a causa del loro quadro istituzionale e normativo. Rimarranno bloccati con i loro limiti operativi e istituzionali. In particolare, quando passeranno dal livello token a quello di massa, si troveranno in serio conflitto con la loro missione istituzionale di massimizzazione del profitto. Certo, possono trarre profitto servendo i poveri, ma non corrisponderanno al profitto che possono fare altrove nel loro spettro di mercato. In definitiva, il livello di redditività desiderato dagli azionisti e il mercato azionario, nel caso delle banche quotate, diventeranno un fattore demotivante.

Le loro pratiche operative saranno anche fattori restrittivi. Troveranno difficile allontanarsi dalle loro procedure bancarie convenzionali. Tendono a portare le stesse pratiche operative ai poveri come fanno ad altri clienti: rating del credito, storia del credito, affidabilità creditizia, valutazione del rischio, informazioni affidabili sul mercato, insistenza su documenti legali, peggio di tutto - chiedere garanzie. Se lo fanno, l'inclusione finanziaria rimarrà una parola di pubbliche relazioni, non il cambiamento che è disperatamente necessario nel sistema bancario.

Ci sono grandi speranze che la tecnologia sia un grande punto di svolta nel settore bancario per i poveri. La tecnologia promette di portare le banche alle persone di fondo. Gli occhi severi della ricerca del profitto decideranno se le banche tradizionali prenderanno questa strada.

La tecnologia è un fattore abilitante. Se qualcuno cerca disperatamente di fare qualcosa in fretta per grandi numeri, la tecnologia rende più facile l'accadere. Se la persona non è seria nel realizzarla, nessuna tecnologia può aiutare a farlo accadere.

Le banche attuali non sono progettate per svolgere il lavoro che stiamo chiedendo loro di fare. In un certo modo siamo ingiusti con loro. Il lavoro ha bisogno di un nuovo tipo di banca. Per far sì che rimanga impegnato per i poveri, deve essere una banca di affari sociali progettata esclusivamente per servirli. Questo ha bisogno di una nuova legge bancaria. La legge bancaria esistente è stata creata per svolgere il lavoro che stanno facendo ora, per servire i ricchiAbbiamo bisogno di una nuova legge per creare nuove banche al servizio esclusivo dei poveri. La legge può specificare che queste banche saranno banche di affari sociali o banche i cui tassi di interesse sarebbero soggetti all'approvazione dell'autorità di regolamentazione.

Non importa quanto spingiamo le banche tradizionali a raggiungere i loro servizi al ribasso, non possono farlo con l'attuale assetto. Tuttavia, possono costituire la propria banca-per-poveri come una sussidiaria delle attività sociali e fornire il servizio che trovano difficile da fornire attraverso la struttura esistente.

Nel nostro processo di ridisegno, dobbiamo assicurarci che i giovani apprendano dalla loro infanzia che non sono in cerca di lavoro, sono creatori di posti di lavoro, sono imprenditori.

Il settore finanziario deve prepararsi ad aiutare i giovani disoccupati a trasformarsi in imprenditori di successo.

Oggi, le banche tradizionali non toccheranno un disoccupato con un palo lungo mille piedi. Abbiamo bisogno di nuove banche e di fondi di capitale di rischio per le imprese sociali che si specializzino nel finanziamento di start-up di giovani. Abbiamo creato tali fondi di capitale di rischio per le imprese sociali in Bangladesh per investire nelle imprese dei giovani disoccupati. Abbiamo finanziato 45.000 giovani attraverso questi fondi negli ultimi quattro anni in modo sostenibile.

In media oltre 2000 giovani ricevono fondi di investimento per le loro imprese ogni mese. Il numero mensile continua a salire mentre il programma continua.

Il microcredito trasformò le donne rurali disoccupate e analfabete in imprenditori. Ora stiamo raggiungendo i giovani disoccupati per trasformarli in imprenditori.

Il Socialbusiness può svolgere un ruolo vitale nel trasformare economie rurali in deterioramento o stagnanti in economie vivaci e mantenere i giovani impegnati in queste economie piuttosto che vedersi intraprendere un viaggio verso un mondo sconosciuto e incerto.

Potremmo guardare i nostri villaggi in una prospettiva diversa. Tradizionalmente sono stati considerati come fornitori di manodopera a basso costo verso le aree urbane per costruire la loro economia. I villaggi si sentono grati ai centri urbani per aver fatto questo favore. Ora possiamo guardare ai villaggi come al potere della creatività imprenditoriale. Una volta che abbandoniamo la ricerca dell’impiego e andiamo verso un futuro imprenditoriale, il contesto cambia completamente. Le economie rurali e urbane possono diventare integrate e interdipendenti. Possono crescere come economie complementari con il capitale e la leadership imprenditoriale provenienti da entrambe le direzioni.

Con Papa Francesco siamo d'accordo che l'essere umano è un essere enormemente creativo e imprenditoriale. La struttura concettuale della teoria capitalista attuale è troppo stretta e poco dignitosa per lui. Lo riduce a un robot egoista. Abbiamo bisogno di progettare una teoria tenendo presente il vero essere umano, non una versione distorta e miniaturizzata di lui. Un vero essere umano è un essere umano disinteressato, premuroso, condiscendente, fiducioso, che crea una comunità. È, allo stesso tempo, anche il contrario di tutte queste virtù. Quale di queste virtù promuoverà, quali sopprimerà dipenderà dal mondo che lo circonda. Dobbiamo dargli delle opportunità per far emergere le virtù giuste. Oggi non gli diamo questa opportunità. Siamo bloccati sul contrario. Ecco dove iniziano i problemi.

Sul fronte finanziario, dobbiamo agire come una unità di crisi. Dobbiamo elaborare un’azione incisiva prima che sia troppo tardi. Decisioni rapide devono venire dai legislatori e dai responsabili politici. Fortunatamente sappiamo abbastanza come rendere questo realtà. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è una direzione di marcia che venga innanzitutto dai responsabili politici.

Muhammad Yunus

Premio Nobel per la pace


Roberto Pacilio
Redazione online

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits