NOTIZIE > fede

Udienza. Il Papa: la comunione è la prima testimonianza degli apostoli al mondo

Udienza. Il Papa: la comunione è la prima testimonianza degli apostoli al mondo
Credit Foto - Redazione Internet - Avvenire

Sul modello della comunità degli apostoli, la Chiesa sia sempre unita e i suoi membri in comunione gli uni con gli altri come ha insegnato Gesù. È questo il messaggio consegnato stamani dal Papa ai fedeli durante l'udienza generale del mercoledì, nella quale il Pontefice ha proseguito il nuovo ciclo di catechesi sugli Atti degli Apostoli, incentrando la sua meditazione sul tema: «Fu associato agli undici apostoli».

Giuda si era isolato dal gruppo per orgoglio


Il viaggio del Vangelo raccontato negli Atti degli Apostoli, ricorda il Papa, comincia dalla Resurrezione di Cristo. I discepoli sono in una stanza con Maria: la Chiesa appare fin dall’inizio come una comunione, un gruppo unito. Manca solo Giuda e il suo posto deve essere preso da un altro.

 

Giuda alla vita aveva preferito la morte. «Aveva iniziato già prima a isolarsi, ad attaccarsi al denaro fino a strumentalizzare i poveri, fino a permettere al virus dell’orgoglio di infettargli mente e cuore». Giuda «aveva ricevuto grazia di far parte del gruppo degli intimi di Gesù ma ha preteso di salvare da sé la propria vita, ha smesso di appartenere col cuore a Gesù e si è posto al di fuori della comunione con lui e con i suoi». Con il prezzo del suo delitto ha affittato un terreno che non ha prodotto frutti, ha è stato intriso di sangue. «Gli altri undici scelgono invece la vita e la benedizione, diventano responsabili nel farla fruire a loro volta nella storia, di generazione in generazione, dal popolo d'Israele alla Chiesa».


Giuda viene sostituito: la comunità deve ricostituirsi


Dinanzi all’abbandono di uno dei Dodici è necessario che il suo incarico passi a un altro. «Chi? Pietro indica i requisiti: il nuovo membro deve essere stato un discepolo di Gesù dall’inizio, fin dal battesimo nel Giordano». Occorre ricostituire il gruppo. «Due sono i candidati: Giuseppe Barsaba e Mattia». Tutta la comunità prega che il Signore mostri quale dei due ha scelto. Attraverso la sorte il Signore indica Mattia. «Si ricostituisce così il corpo dei Dodici segno della comunione».


Nella comunità cristiana «unità e libertà da se stessi»


I Dodici manifestano negli Atti degli Apostoli lo stile del Signore, sono i testimoni accreditati dell’opera di salvezza di Cristo. «Anche noi abbiamo bisogno di riscoprire la bellezza di essere testimoni del Risorto, uscendo dagli atteggi autoreferenziali, rinunciando a trattenere i doni di Dio e non cedendo alla mediocrità». Nel Dna della comunità cristiana, ha detto il Papa ci sono «l'unità e la libertà da se stessi, che permettono di non temere la diversità, di non attaccarsi alle cose e ai doni e di diventare martiri cioè testimoni luminosi del Dio vivo e operante nella storia».

 

Redazione Internet, Avvenire




Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits