NOTIZIE > fede

SPIRITO DI ASSISI, COME 31 ANNI FA DALLA CITTA’ DI FRANCESCO IL MESSAGGIO PER LA PACE NEL MONDO

Tre donne accendono la lampada della pace e aprono il pellegrinaggio dal Santuario della Spogliazione al Sacro Convento

SPIRITO DI ASSISI, COME 31 ANNI FA DALLA CITTA’ DI FRANCESCO IL MESSAGGIO PER LA PACE NEL MONDO

Uniti nel ricordo ma con l’impegno di conoscersi e dialogare sempre di più per costruire insieme un mondo di pace. È questo il messaggio lanciato dagli esponenti delle diverse religioni presenti nella città del Poverello in occasione del 31esimo anniversario dello Spirito di Assisi.

I capi religiosi unitamente ai molti partecipanti all’incontro di preghiera di giovedì 26 ottobre si sono ritrovati di fronte al Santuario della Spogliazione per avviare il pellegrinaggio verso la sala frate Elia del Sacro Convento. Pellegrinaggio aperto da tre esponenti religiose femminili (Dr Corinna Mühlstedt, teologa e giornalista luterana; Swamini Hamsananda Ghiri, vice-presidente Unione induista italiana; prof.ssa Maria Augusta Favali, fede Bahà’ì) che hanno acceso la lampada della pace poi passata di mano a tutti gli altri esponenti religiosi.

Prima di avviare il corteo religioso, il vescovo della diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino, monsignor Domenico Sorrentino, parlando del Santuario della Spogliazione e ricordando il gesto compiuto da Francesco ha precisato che “questo luogo è la casa di tutti. Abbiamo voluto cominciare questo percorso qui ricordando il passaggio chiave dell’esistenza di San Francesco. Assisi – ha aggiunto – parla nella misura in cui ricomincia a parlare questo gesto di Francesco. Come credenti abbiamo il dovere di dare questa testimonianza di unità”.

Parlando del significato dell’annuale incontro, alcuni esponenti delle religioni presenti (cattolici, ortodossi, ebrei, musulmani, induisti, buddisti, esponenti della fede Bahà’ì e taoisti) hanno voluto esprimere il loro pensiero su questo anniversario. Per esempio Rav Joseph Levi, già capo di Firenze ha precisato che questo incontro rappresenta “la storia dell’umanità che cerca il metodo per far regnare la pace quindi la positività, la volontà di costruire, l’amore per l’altro e non la distruttività e l’isolamento”.

Il prefetto della Chiesa Taoista italiana, Li Xuan Zong ha sottolineato che “se non parliamo non ci capiamo, se non ci capiamo non ci conosciamo e se non ci conosciamo non ci possiamo amare”. Il buddista Roberto Anshin Coslovi, ha precisato che “questo incontro è un ricordo importante che ha segnato una svolta nei rapporti tra le religioni. E’ stato epocale dal punto di vista della comunione spirituale che segna il rafforzamento di una serie di iniziative già presenti e che continuano tutto l’anno”.

La preghiera per la pace particolarmente suggestiva ha concluso la prima giornata di questo anniversario che prosegue venerdì 27 ottobre in mattinata presso il salone papale del Sacro Convento con il convegno dal titolo “La ricerca dell’unità nelle religioni”. Nel pomeriggio sul sagrato della Chiesa Nuova a partire dalle 16,30 ci sarà il concerto dell’Anonima Frottolisti dal titolo “Musiche per la pace” con le danze sacre dell’India con le danzatrici dell’Ashram di Altare – SV.

Infine sabato 28 ottobre a partire dalle 9,30 nella sala stampa del Sacro convento ci sarà un seminario proposto dal Comitato per una Civiltà dell’Amore su un progetto per la pacificazione dell’area coreana.



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits