NOTIZIE > fede

IL RACCONTO DI CREPET: ATTESA, SORPRESA E CONDIVISIONE

di Paolo Crepet
IL RACCONTO DI CREPET: ATTESA, SORPRESA E CONDIVISIONE
Credit Foto - Archivio fotografico Sacro convento di Assisi

PER I NOSTRI LETTORI IL RACCONTO DI NATALE DI PAOLO CREPET

Non è facile, per un laico, scrivere una pagina per il Natale. Per farlo cerco di immaginare un bambino di oggi che aspetta quella notte straordinaria. Per me e per tanti bambini di allora era una magia e mi chiedo se lo è ancora per i nostri figli più piccoli. Me lo chiedo perché la contemporaneità tende a offrire tutto ai bimbi, togliendo loro il desiderio e il sogno. Come si fa a desiderare ciò che hai già o che sai di poter avere senza alcuno sforzo? In questo modo anche il Natale rischia di diventare meno magico, più prevedibile ed effimero.

Mi piacerebbe che il Natale fosse attesa, sorpresa, gioia. Se un bambino scrive una lettera a Babbo Natale chiedendo cinque cose e poi gli adulti gliene regalano dieci, quel momento si trasformerà in qualcosa di meno emozionante.

Mi piacerebbe che per il Natale gli adulti riuscissero a trovare il coraggio di ridare ai nostri bambini il diritto all’immaginario. Non è scontato e nemmeno facile. Faccio un esempio. Che cosa emoziona di più un bambino? La possibilità di creare un gioco con le proprie mani o di ricevere qualcosa che è già fatto? La differenza tra il primo e il secondo è il tempo che richiede quel gioco ai genitori. Mentre per aiutare a costruire un gioco ci vuole tempo e pazienza, comprare un gioco già fatto e consegnarlo fa risparmiare un sacco di tempo che i padri e le mamme sono spesso abituati ad occupare in altro.

Mi piacerebbe che il Natale portasse il dono più inaspettato e raro: il tempo. Non solo il tempo dell’attesa, ma anche quello della sorpresa e della condivisione. Il dono è per tutti: per chi lo riceve e per chi lo offre. Ma il dono, senza il tempo per condividerlo, si trasforma fatalmente in ovvietà e perde il fascino della sorpresa e dell’incanto.  

Mi piacerebbe che il Natale fosse senza rumore, senza troppe luci, un tempo trascorso in lentezza, senza fretta. Perché il Natale deve essere un giorno diverso dalla quotidianità, deve essere speciale, altrimenti non sarà mai Natale.

Mi piacerebbe che il Natale fosse senza tecnologie digitali, per una volta almeno.

Mi piacerebbe che per il giorno di Natale, tutti i telefonini e gli altri strumenti fossero spenti. Ci sarebbero più sorrisi veri e meno emoticon, più racconti e meno messaggini. E tutti bambini ci ringrazierebbero. 


Paolo Crepet

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits