NOTIZIE > eventi

TG1 Dialogo: Gli Invisibili, programma del TG2. Il cammino di libertà e di fraternità di Francesco inizia dai più poveri ed emarginati

di Redazione online
TG1 Dialogo: Gli Invisibili, programma del TG2. Il cammino di libertà e di fraternità di Francesco inizia dai più poveri ed emarginati

Tg Uno Dialogo. Gli invisibili

"il Signore dette a me, Francesco, d'incominciare a fare penitenza così: quando ero nei peccati mi sembrava cosa amara vedere i lebbrosi e il Signore stesso mi condusse tra loro a usai con essi misericordia. E allontanandomi da essi, ciò che mi sembrava amaro mi fu cambiato in dolcezza d'animo e di corpo" (FF Testamento)

Il cammino di libertà e di fraternità di Francesco inizia dai più poveri ed emarginati del suo tempo, nei quali riconosce il supremo valore che il Figlio di Dio con la sua incarnazione, morte e risurrezione ha impresso.

Siamo contenti di condividere con la redazione del Tg2 l'avvio del programma "Invisibili". Quando ho saputo che la Rai si stava orientando a documentare le situazioni di vita di tanti fratelli che vivono nell'anonimato la fatica dell'esistenza, ho avuto un sussulto: "forse sta cambiando qualcosa" mi sono detto. Non solo perché si rivolge l'attenzione ai deboli, cosa che non è del tutto nuova, ma soprattutto perché si torna a prestare attenzione agli invisibili, ovvero a coloro che non hanno rinomanza sociale per successi conclamati o per efferati gesti di disumana follia oggetto di morbose attenzioni. Riconoscere nella vita normale la realtà che più mi interessa, più mi appartiene e verso la quale rivolgermi, abbracciarla.... mi pare una scelta di grande portata che mi permetto di accostare ai primi passi di Francesco:
- "d'incominciare a fare penitenza": iniziare a cambiare mentalità, visione del mondo;
- "quando ero nei peccati": perché vi è un peccato sociale e mediatico quando si sacrifica alla visibilità, allo share o all'immagine la persona, finanche la sua stessa dignità, quando è resa oggetto di adulazione o di vilipendio; glie stremi si toccano;
- "mi sembrava cosa troppo amara vedere i lebbrosi": oggi è sentito come "amaro" vivere le cose normali, vedere gente normale;
- "il Signore stesso mi condusse tra loro": tra le storie di una umanità ordinaria che lotta, soffre, vive il fallimento e l'inutilità, muore...;
- "e usai con essi misericordia": mi accorgo di loro, vado in mezzo a loro, faccio qualcosa per loro...;
- "e allontanandomi da essi, ciò che mi sembrava amaro mi fu cambiato in dolcezza d'animo e di corpo": l'augurio che vi faccio è di sperimentare il gusto della pace e del buon risultato del vostro lavoro, frutto degli incontri che potrete vivere.


Redazione online

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits