NOTIZIE > eventi

Apre la 51ª stagione del Cineforum Seraphicum, il cinema creato dai frati minori conventuali

di Redazione online
Apre la 51ª stagione del Cineforum Seraphicum, il cinema creato dai frati minori conventuali

Sarà inaugurata dal film “L’ultima ruota del carro”, per la regia di Giovanni Veronesi, la 51ª stagione del Cineforum Seraphicum che si aprirà venerdì 7 novembre alle ore 21 nell’auditorium del Seraphicum.

Una rassegna cinematografica storica per la città di Roma e non solo, voluta negli anni Sessanta dai Frati minori conventuali come contributo di conoscenza e riflessione sull’uomo e sulla società.

 

Dunque una iniziativa culturale che, ininterrottamente da mezzo secolo, propone da novembre ad aprile un’ampia rassegna di pellicole cinematografiche con un dibattito al quale partecipano registi, attori, critici.

Fu proprio Pier Paolo Pasolini a inaugurare questa esperienza di confronto con il pubblico, presentando “Il Vangelo secondo Matteo” e “Uccellacci e uccellini”, ma non fu il solo considerato che anche Roberto Rossellini frequentò il Cineforum Seraphicum.

 

La rassegna quest’anno è centrata su film che, nella varietà dei generi, raccontano l’uomo nell’ordinarietà della sua vita ed è a questo proposito significativo l’avvio con il film di Giovanni Veronesi che sarà ospite alla proiezione del giorno successivo, sabato alle ore 16, per il dialogo con il pubblico.

Una presenza importante, accompagnata anche da un gesto molto concreto di generosità: Veronesi ha voluto devolvere in beneficenza la quota per la sua partecipazione all’Associazione Bimbi & Co., impegnata ad aiutare famiglie e bambini con disturbi dell’apprendimento e autismo.

 

Questo viaggio sull’uomo approderà in uno dei luoghi più abituali e familiari, quello della cucina: la rassegna sarà chiusa, il 18 aprile, sui colori, gli odori e i sapori del cibo, con lo spettacolo “L'appetito vien guardando”, ideato da Edoardo Zaccagnini che - in sintonia con il tema di Expo 2015 - proporrà un viaggio su come il cinema italiano ha raccontato le nostre abitudini alimentari dall'inizio del secolo scorso a oggi.

 

“Con il Vangelo la Parola è data e detta agli uomini perché questo Dio si racconti e dica agli uomini chi essi sono per lui. È proprio questo – spiega fra Emanuele Rimoli, direttore del Cineforum Seraphicum e docente alla Pontificia Facoltà Teologica San Bonaventura - il criterio usato nella scelta dei film della nuova stagione del Cineforum: raccontare l'uomo. E a sostenere la nostra narrazione, non saranno (solo) i grandi personaggi, ma un altro tipo di ‘capitale umano’: i normali, quelli alle prese con le situazioni che la vita ha posto loro innanzi. Quei furbi, impacciati, sorridenti, schiacciati, intraprendenti, innamorati, appassionati, desiderosi di riscatto, lottatori, sofferenti, retti, dubbiosi, fedeli, dolci, falliti, impegnati, goffi e comici - quegli uomini che, nelle diverse declinazioni delle loro vite e relazioni, rendono vivo e vivace il tessuto dell’esistenza delle comunità, secondo le parole di papa Francesco: «il modello è il poliedro, che riflette la confluenza di tutte le parzialità che in esso mantengono la loro originalità» (Evangelii Gaudium, n. 236)”.

Per info sulla rassegna: http://cineforum.seraphicum.net/


Redazione online

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits