NOTIZIE > editoriale

IL RISCHIO: POTENTI SATOLLI E GENTE POVERA

di Enzo Fortunato
IL RISCHIO: POTENTI SATOLLI E GENTE POVERA

In questi giorni tutti guardano ad Assisi, tutti guardano a Francesco uomo e santo della pace. Il primo gennaio del nuovo anno la Chiesa e non solo, celebrerà la 50esima giornata mondiale della pace e Bergoglio con la lungimiranza che lo contraddistingue, offre un messaggio chiaro:  “La non violenza stile di una politica per la pace” che ci esorta tutti, nessuno escluso, a non nasconderci dietro falsi pretesti. Verrebbe da dire, ma quale pace? L’anno trascorso ci ha “regalato” un impressionante pallottoliere: Siria trentacinquemila morti, Ucraina dal 2014 ad oggi novemila e 758 morti con 22 mila feriti, Sud Sudan oltre cinquemila vittime, fino al conflitto israelo-palestinese, per non parlare della guerra in Messico contro le bande della droga che contano oltre 10mila morti. Poi ci sono gli attacchi terroristici in Europa, da Parigi a Bruxelles fino a Berlino. E’ impressionante la scia di sangue.

Il messaggio di Papa Francesco questa volta non è rivolto tanto alla gente, essi sono le prime vittime di chi la guerra la comanda e la gestisce. Il rischio è: potenti satolli e gente povera che apre la strada ai populismi più pericolosi. Bergoglio questa volta parla ai politici, ai governi del mondo. Fino a quando non metteranno mano alle vere cause della guerra (ingiustizia sociale, interessi oscuri, commercio d’armi) nessuno potrà scrivere o ergersi a paladino di pace. Questa volta pretesti non ce ne sono, la strada della non violenza è possibile. Dopo gli accordi tra il Governo colombiano e le Farc, la pace non si mostra come questione utopistica, ma diventa reale. E sulla lettera del Papa, si stagliano i giganti che la pace l’hanno resa possibile: Mahatma Gandhi e Khan Abdul Ghaffar Khan nella liberazione dell’India, Martin Luther King Jr contro la discriminazione razziale e Leymah Gbowee. Dobbiamo guardare alla pace come la speranza, come la preghiera per andare alla ricerca del bene comune e dell’integrazione. E se guardiamo ad Assisi è perché San Francesco ci indica come agire: La pace che annunziate con la bocca, abbiatela ancor più copiosa nei vostri cuori. Non provocate nessuno all’ira o alla scandalo, ma tutti siano attirati alla pace, alla bontà, alla concordia della vostra mitezza”.  Articolo apparso nel Corriere della Sera del 31 - 12 – 2016.


Enzo Fortunato
Direttore della Rivista

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits