NOTIZIE > cronaca

Pontedera: dà fuoco alla chiesa dei Cappuccini e scappa

Pontedera: dà fuoco alla chiesa dei Cappuccini e scappa
Credit Foto - La Nazione

Le fiamme avvolgono la tovaglia alzandosi dall’altare. La stoffa si consuma e si ritira rischiando di propagare il fuoco alla statua in legno di San Francesco che apre le mani invocando la pace. E la Provvidenza sembra ascoltare l’invocazione del santo di Assisi facendo giungere al momento giusto Nolo Nalin. L’anziano fedele, proprio in quell’istante, sta entrando nella chiesa dei Frati Cappuccini. La sorpresa è esorbitante quando, nella cappellina di sinistra, si trova davanti un rogo indomato.

«Che faccio? La prima cosa che mi viene in mente – dice .– Con le stampelle lancio via il drappo infuocato facendolo cadere sul marmo del pavimento dove più difficilmente avrebbe potuto estendersi. Poi chiamo aiuto». Così i danni dell’attentato vandalico restano limitati lasciando spazio solo ad un crescente sgomento.

Sono più o meno le 11 del 20 marzo in via Armando Diaz a Pontedera. «Mi trovo sotto il colonnato – aggiunge Nalin – quando vedo uscire a corsa una signora con i capelli biondi. Rimango sorpreso perché sta scappando via a tutta velocità. Ad ogni modo entro in chiesa». Proprio mentre il fuoco si sta alzando dalla tovaglia dell’altare di San Francesco: «Con il rischio che si spargesse ulteriormente – racconta padre Mosé – basti pensare che aveva già iniziato ad intaccare il tappeto in terra».

Così Nalin tira via la tovaglia e invoca l’aiuto di Padre Mosé che sta confessando una ragazza: «Abbiamo spento tutto in pochi attimi – conferma il religioso – e fortunatamente i danni sono limitati. Il marmo dell’altare è rimasto leggermente ‘abbrustolito’, la tovaglia è in gran parte bruciata e il tappeto danneggiato. Ma, sinceramente, è andata bene». Resta però il mistero. Che sia stata la donna bionda ad appiccare l’incendio? E poi perché?

«Non è raro – confessa padre Mosé – che in zona capitino persone disturbate. Come è andata? Tutto mi fa credere che la donna prima abbia tentato di rubare le offerte e poi, presa da chissà quale raptus, abbia dato fuoco all’altare». Magari con un accendino. «Ci sono persone con problemi ma anche diversi delinquenti in zona – aggiunge ancora padre Mosé –. Non è la prima volta che abbiamo problemi. Un mesetto fa hanno rubato i soldi del presepe. E anche questa mattina (ieri per chi legge ndr.) ho dovuto cacciare dalla chiesa una persona molesta e maleducata minacciando di chiamare i carabinieri». Ora resta un acre odore di bruciato e tanta amarezza: «Le telecamere? Vedremo – chiosa padre Mosé –, potrebbe essere una soluzione da prendere in considerazione». (di Saverio Bargagna - La Nazione)



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits