NOTIZIE > cronaca

Il dissenso garbato di Valerio (GUARDA IL VIDEO)

Il coraggio di un giovane garbato, quando i giovani ti sorprendono

Il dissenso garbato di Valerio (GUARDA IL VIDEO)
Credit Foto - TPI

Per i nostri lettori vogliamo dare risalto a questa manifestazione di "dissenso garbato" da parte di un giovane di 15 anni che con simpatia e naturalezza ha voluto far arrivare il proprio pensiero direttamente al ministro dell'interno Matteo Salvini. A prescindere dal fatto in sé,questi sono i giovani che ci piacciono: garbati, con proprie idee, voglia di esprimerle e, in questo caso, esprimerle con simpatia.

GUARDA IL VIDEO




Vi proponiamo l'intervista concessa dal giovane a Repubblica:

CAGLIARI - "Più accoglienza, più 49 milioni": appena sei secondi. È il video selfie fulminante di Valerio, ragazzo di 15 anni di Tula, venti chilometri da Ozieri – sede di uno dei comizi di ieri in Sardegna del leader della Lega e anche del suo liceo classico.

Ciuffo al vento e sorriso sicuro ha immortalato se stesso insieme al ministro dell'Interno.

Com'è andata?
"Ieri mattina – quando sono arrivato in pullman con gli altri studenti – non pensavo certo a tutto ciò. Avevo un'ora buca e insieme a tre compagni abbiamo deciso di raggiungere piazza Cantareddu, dove c'era Salvini. Era un'opportunità, ho pensato... Quando siamo arrivati erano le 11.20, stava per finire".

E cos'è successo?
"Mi sono messo – educatamente – in fila per i selfie. C'erano circa cento persone. Poi è arrivato il mio turno".

Era uno sfottò programmato? "No, per nulla. Mentre aspettavo cercavo di elaborare un modo – sempre educato – per esprimere il mio dissenso. Che fosse breve, conciso e schietto: una frase, poco più".

E quando è toccato a te?
"Ho attivato la modalità video selfie già da prima. Gli ho chiesto il permesso – che mi ha dato - e ho detto: 'Più accoglienza, più 49 milioni'. E poi: 'Grande'. E ci siamo lasciati così, ho abbassato lo smartphone e sono andato via".

E lui?
"È rimasto spiazzato, non ha avuto il tempo di realizzare. Non se l'aspettava. Anche lui si è allontanato, poi non l'ho più visto".

Perché l'hai fatto?
"Ho avuto l'occasione di esprimere la mia davanti a lui in modo corretto, senza insulti, offese né contestazioni plateali. E l'ho fatto. Poi – certo – ha avuto una diffusione che mai avrei immaginato".

Cioè?
"Ho mandato il video nella chat di famiglia. Da lì è stato inoltrato ancora, senza controllo. Nonostante mia madre avesse proibito a chi gliel'aveva chiesto la diffusione su Facebook, qualcuno l'ha pubblicato lo stesso. Ed è diventato di tutti, l'ho rivisto ovunque. Anche se io non ho nemmeno un profilo".

Pentito?
"No, anzi. È stato un modo concreto per realizzare il diritto di libera espressione. Prendo il lato buono: il video è visto da tanti e può esser commentato, magari può stimolare qualche riflessione". Sei interessato alla politica? "Sì: sia a quella nazionale, sia a quella regionale. Mi informo su internet, ma leggo anche i giornali".

MONIA MELIS



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits