NOTIZIE > cronaca

Il fotoreporter eroe. In Siria per illuminare le terre oscurate

Il fotoreporter eroe. In Siria per illuminare le terre oscurate

“Cosa è andato a fare in Siria, non conosceva i pericoli della guerra?”. Ancora una volta, dentro e fuori la rete, risuonano i ragli di chi mal sopporta che esistano ancora donne e uomini che hanno nel cuore la voglia di conoscenza, il desiderio di “Illuminare” le terre oscurate, la tensione a scalare i muri del razzismo, dell’omertà, della vigliaccheria che diventa complicità.


Gabriele Micalizzi, ora fuori pericolo, è un fotoreporter di razza, un professionista capace e rigoroso, uno che ha vinto i principali premi di fotografia.


Lavora nel collettivo Cesuralab , quello dove lavorava anche Andrea Rocchelli, ucciso in Ucraina dal fuoco dei mercenari, oggi a giudizio nel tribunale di Pavia.


Micalizzi e Rocchelli sono stati i nostri occhi e le nostre orecchie in Siria, in Palestina, in Ucraina, nei campi di Rosarno dove i caporali  calpestano la dignità umana, senza distinzione di etnia, fede religiosa, colore della pelle.


Senza il lavoro dei Gabriele, degli Andy e dei loro simili, non avremmo conoscenza delle stragi e dei massacri.


Lo stesso desiderio di conoscenza che ha animato la vita di Giulio Regeni, che giornalista non era e non voleva essere, di Antonio Megalizzi colpito dal fanatismo integralista, di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, assassinati perché stavano indagando sui traffici d’armi e sul lucroso commercio di rifiuti tossici e nocivi.


A queste donne e a questi uomini, a chi ha perso la vita per raccontare ed onorare l’articolo 21 della Costituzione, sarà dedicato il congresso della federazione della stampa che aprirà i suoi lavoro oggi a Levico Terme, perché loro non se la sono “Andata a cercare”, ma sono stati ammazzati perché stavano cercando di garantire a ciascuno di noi il diritto ad essere informati, senza il quale l’ordinamento democratico e costituzionale è destinato a perire.




Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits