NOTIZIE > attualita

Vaticano: vaccini dovere sociale, proteggono immunodepressi

di Redazione online
Vaticano: vaccini dovere sociale, proteggono immunodepressi
Credit Foto - Ansa - CIRO FUSCO

"L'abbassamento della vaccinazione della popolazione può portare a un grosso pericolo per quelli che non possono vaccinarsi per motivi immunitari. Ridurre al minimo la possibilità di contagio per quelli che non possono vaccinarsi, è un dovere sociale".

Lo ha affermato Antonio Spagnolo durante la presentazione in Vaticano della XXV Giornata mondiale del malato, e della "Nuova carta degli operatori sanitari". "La nuova carta - ha detto il direttore dell'Istituto di Bioetica della Cattolica di Roma - accenna anche alla necessità che gli industriali e coloro che sono legati alla produzione di farmaci, partano da questa visione di solidarietà e giustizia: occorre eliminare un po' tutte quelle situazioni che portano a un minor accesso ai farmaci, molti dei quali oggi sono particolarmente costosi, sappiamo però che in alcuni paesi il produrli con costi molto bassi, dà l'idea che si possa fare, se in India ci riescono, - ha commentato - dovrebbe essere fatto anche dagli altri paesi".

Oltre che per la questione dei vaccini, affrontata in conferenza stampa, la Carta è vicina al dibattito parlamentare italiano per quanto riguarda il fine vita, e ribadisce il no alla eutanasia e all'accanimento terapeutico. La Carta, la cui edizione di venti anni fa fu tradotta in 19 lingue, è per il momento disponibile in italiano: "è un dono per la XXV Giornata mondiale del malato - ha spiegato mons.

Jean-Marie Mupendawatu, segretario del dicastero per lo Sviluppo umano integrale - è quasi pronta l'edizione in inglese a cura della Conferenza episcopale degli Stati Uniti, e stiamo trattando con la Fondazione Raoul Follerau per finanziare una edizione francese a beneficio soprattutto dell'Africa francofona".

Alla presentazione della XXV Giornata mondiale che si celebra a Lourdes da venerdì a domenica e a cui il Papa ha nominato come legato pontificio il segretario di Stato, Pietro Parolin - non ha potuto partecipare il card. Peter Turkson, prefetto del dicastero per lo Sviluppo umano, perché influenzato. (ANSA).


Redazione online

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits