NOTIZIE > attualita

Tra mostre, marce, e festeggiamenti: il profondo legame tra San Francesco e la comunità di Boscotrecase

La salvaguardia dell'ambiente e del creato sono temi molto sentiti nella cittadina alle falde del Vesuvio. Che ha conosciuto il poverello nel 1883

di Gelsomino Del Guercio
Tra mostre, marce, e festeggiamenti: il profondo legame tra San Francesco e la comunità di Boscotrecase

Un legame profondo anche grazie alla presenza di una importante a chiesa a lui dedicata. Stiamo parlando del culto di San Francesco in uno dei più popolosi comuni dell'area del Vesuvio. A Boscotrecase il poverello di Assisi è una vera e propria istituzione. Venerato in modo viscerale come in altri pochi in Campania.

DALLE ORIGINI ALL'ERUZIONE
L'ordine francescano a Boscotrecase nacque nel 1883 per volontà del parroco Giuseppe Izzo e, ieri come oggi, vide la partecipazione di molti cittadini boschesi. Quasi un secolo e mezzo di storia, le cui vicende si intrecciano con quelle della chiesa che fu gravemente danneggiata dall'eruzione del Vesuvio nel 1906 e ricostruita a partire dal 1913.

IL RITORNO DEI FRATI
La presenza francescana a Boscotrecase è stata sempre fiorente tranne che negli ultimi anni quando la fraternità è stata archiviata. Ma nel 2015 il colpo di scena per la gioia di centinaia di devoti al poverello: fra Agostino Esposito, ministro provinciale dei Frati Minori di Napoli e Caserta, dispose la “reviviscenza” della Fraternità. La cittadina ha festeggiato così il ritorno dei frati.

I RITI DI OTTOBRE
Ogni anno all'inizio di ottobre sono molto partecipato i riti per ricordare la ricorrenza di San Francesco, che sono stati arricchiti il 3 ottobre di quest'anno dalla II edizione della "Marcia per la salvaguardia del creato", promossa dall'Ordine Francescano Secolare in collaborazione con l'Istituto Comprensivo "Prisco" e con il patrocinio del Comune.

NATURA E CREATO IN MOSTRA
E sempre la natura e il creato, ma riletti in chiave pittorica post moderna è stata l’esposizione “Il Vesuvio e il mare” degli artisti Bigal e Neotto (che si è svolta dal 14 al 17 ottobre) nella Chiesa di San Francesco d’Assisi sempre sotto la regia dell'OFM.


Gelsomino Del Guercio

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits