NOTIZIE > attualita

Rovigo. I trent’anni del Centro francescano di ascolto

Rovigo. I trent’anni del Centro francescano di ascolto
Credit Foto - Articolo21

Don Luigi Ciotti e Gherardo Colombo saranno a Rovigo il 18 ottobre prossimo per festeggiare i trent’anni del Centro francescano di ascolto insieme a Livio Ferrari che ha fondato il sodalizio nel 1988 proprio nel capoluogo del Polesine. L’appuntamento è per le 17.30 nel Salone del grano, all’interno del palazzo della Camera di commercio in piazza Garibaldi. Insieme al presidente nazionale di Libera e all’ex magistrato, saranno tanti gli amici e i compagni di strada a ritrovarsi per condividere con chi vorrà partecipare tre decenni di storia e le prospettive di un’attività solidale che, dopo tanto tempo, non conosce cesure e rallentamenti. “Trent’anni, è un tempo significativo, una grossa fetta di vita trascorsa sulle strade della prossimità, nell’incontro con il dolore e la fatica di vivere delle persone” riflette Ferrari che avviò il percorso del Centro il 18 ottobre del 1988. “Trent’anni controcorrente” rivendicano i volontari, da sempre impegnati nel sostegno e nell’accompagnamento ai servizi di persone con disagi e dipendenze, senza guardare a passaporti e provenienze.

Ma la cifra distintiva nell’attività del centro (che, non a caso, ha sede in via Mure Soccorso a un passo dal vecchio penitenziario di via Verdi) è la vicinanza ai detenuti, il sostegno ai percorsi di rieducazione e riabilitazione, perché la pena non sia afflittiva e non si esaurisca nella carcerazione. Un’opera divenuta costante e quotidiana nel 1989 all’interno della casa circondariale di Rovigo con attività di formazione culturale (tra cui il giornale Prospettiva Esse, fondato nel 1997) e accompagnamento al lavoro esterno, come opportunità di ricostruzione di una prospettiva di ritrovate autonomia e cittadinanza. Esperienze avanzate che, nel tempo, hanno portato l’associazione rodigina a essere un riferimento non solo per il mondo del volontariato. Ferrari, infatti, è stato più volte impegnato come consulente del ministero della Giustizia e del ministero della Solidarietà sociale, coordinando gruppi di studio e progettazione sulla gestione penitenziaria, convinto che giustizia non sia sinonimo di vendetta. Posizioni che l’attivista polesano ha portato avanti pure nella lunga esperienza come presidente della Conferenza nazionale volontariato e giustizia.


Nicola Chiarini, Portavoce Articolo 21 Veneto 



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits