NOTIZIE > attualita

Papa in Emilia-Romagna: Politica non ceda passo a finanza e potere mediatico

La corruzione è il tarlo della vocazione politica

Papa in Emilia-Romagna: Politica non ceda passo a finanza e potere mediatico
Credit Foto - Ansa

"La politica è sembrata in questi anni a volte ritrarsi di fronte all'aggressività e alla pervasività di altre forme di potere, come quella finanziaria e quella mediatica". Lo ha denunciato Papa Francesco nell'incontro con la cittadinaza in piazza del Popolo a Cesena. "Occorre rilanciare - ha detto - i diritti della buona politica, la sua idoneità specifica a servire il bene pubblico, ad agire in modo da diminuire le disuguaglianze, a promuovere con misure concrete il bene delle famiglie, a fornire una solida cornice di diritti-doveri e a renderli effettivi per tutti".

"Il popolo, che si riconosce in un ethos e in una cultura propria, si attende dalla buona politica - ha scandito - la difesa e lo sviluppo armonico di questo patrimonio e delle sue migliori potenzialità. La corruzione è il tarlo della vocazione politica, la corruzione non lascia crescere la civiltà e il buon politico ha anche la propria croce quando vuol essere buono perché deve lasciare tante volte le sue idee personali per prendere le iniziative degli altri e armonizzarle, accomunarli perché sia bene comune, in questo senso il buon politico sente di essere un martire, diciamo così al servizio perché lascia le proprie idee, ma le mette a servizio per andare verso il bene comune".

"Preghiamo - ha aggiunto rivolto alla folla di Cesena - il Signore perchè susciti buoni politici, che abbiano davvero a cuore la società, il popolo e il bene dei poveri. A Lui, Dio di giustizia e di pace, affido la vita sociale e civile della vostra città".

Papa Francesco ha pronunciato il suo primo discorso in Emilia Romagna in Piazza del Popolo, che ha ricordato che a Cesena è chiamata semplicemente "la Piazza", in quanto "spazio pubblico in cui si prendono decisioni rilevanti per la città nel suo Palazzo Comunale e si avviano iniziative economiche e sociali". "E' un luogo emblematico - ha detto - dove le aspirazioni dei singoli si confrontano con le esigenze, le aspettative e i sogni dell'intera cittadinanza; dove i gruppi particolari prendono coscienza che i loro desideri vanno armonizzati con quelli della collettività".

"Io dirò, permettemi l'espressione - ha aggiunto - che questa piazza si impasta il bene comune di tutti, qui si lavora per il bene comune di tutti, questa armonizzazione dei beni propri con i beni della comunità. Qui si apprende che, senza perseguire con costanza, impegno e intelligenza il bene comune, nemmeno i singoli potranno usufruire dei loro diritti e realizzare le loro più nobili aspirazioni, perchè verrebbe meno lo spazio ordinato e civile in cui vivere e operare".

Secondo Francesco. "la centralità della piazza manda dunque il messaggio che è essenziale lavorare tutti insieme per il bene comune. E' questa - ha scandito - la base del buon governo della città, che la rende bella, sana e accogliente, crocevia di iniziative e motore di uno sviluppo sostenibile e integrale". "Questa piazza, come tutte le altre piazze d'Italia, richiama - ha concluso - la necessità, per la vita della comunità, della buona politica; non di quella asservita alle ambizioni individuali o alla prepotenza di fazioni o centri di interessi". (Repubblica)



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits