NOTIZIE > attualita

Migranti, a Crotone naufragio di 51 curdi: gli abitanti locali si gettano in mare per salvarli

Sono arrivati vicino alla costa nei pressi di Crotone su una barca a vela che minacciava di capovolgersi

Migranti, a Crotone naufragio di 51 curdi: gli abitanti locali si gettano in mare per salvarli
Credit Foto - Ansa - GUARDIA DI FINANZA

Un gruppo di 51 migranti curdi è arrivato giovedì mattina davanti alle coste della Calabria con una barca a vela: l’imbarcazione e i suoi occupanti erano in gravi difficoltà e sono stati portati a riva da alcuni abitanti del posto che hanno udito le loro grida di aiuto. L’intero gruppo è stato poi portato in un centro di accoglienza della zona: hanno avuto in altre parole un destino ben diverso dai 32 occupanti della Sea Watch, rimasti 19 giorni in balìa del mare prima di ottenere l’ok per sbarcare a Malta ed essere poi redistribuiti in otto paesi europei.

«Così li abbiamo salvati»
I 51 curdi sono arrivati davanti al paese di Melissa, nei pressi di Crotone: la barca a vela si è arenata su un banco di sabbia a poche decine di metri dalla terraferma e minacciava di capovolgersi. Le invocazioni di aiuto sono state sentite dalle persone in un albergo della costa che si sono immediatamente prodigate nei soccorsi.

«Faceva freddo e pioveva, la riva era vicina ma molti non sapevano nuotare - racconta il sindaco Gino Murgi, tra i primi a giungere sulla spiaggia - Sono stato chiamato al telefono poco dopo le 4, sono arrivato lì e mi hanno colpito le grida disumane, in particolare delle donne che avevano paura per i loro bambini». L’allarme era arrivato dall’hotel sopra la spiaggia dove si era arenata la barca a vela con i migranti. «Mi hanno chiamato i proprietari del Villaggio Miramare dicendomi di correre subito, che una barca si era arenata e c’erano dieci persone, nude e bagnate sulla spiaggia - racconta ancora il sindaco - L’albergo è stato subito aperto, sono state accese le stufe».

A questo punto è scattata la solidarietà degli abitanti della zona, svegliati dalle urla dei naufraghi, che hanno portato coperte e generi di prima necessità ai migranti. Tra i naufraghi c’erano infatti anche cinque donne e quattro bambini, tra cui una piccola di pochi mesi. Un uomo risulta disperso: un suo amico ha detto ai soccorritori che si era gettato in acqua poco prima e non è più stato visto. Subito dopo i 51 sono stati trasferiti nel vicino centro di accoglienza di Sant’Anna per le procedure di identificazione.(Claudio del Frate - Corriere della Sera)



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits