NOTIZIE > attualita

La solidarietà dei Francescani, speranza nei campi profughi di Rodi e Kos

di Marina Tomarro
La solidarietà dei Francescani, speranza nei campi profughi di Rodi e Kos
Credit Foto - Vatican News

Uomini, donne e bambini che approdano nelle isole greche di Rodi e Kos dopo viaggi disperati, a bordo di gommoni di fortuna che rischiano di capovolgersi a causa delle intemperie e delle onde alte del mare. Sono i migranti che arrivano dalla Turchia nei centri di accoglienza di queste isole, accolti e aiutati ogni giorno dai frati francescani della Custodia di Terra Santa presenti a Rodi presso la Parrocchia di San Francesco.

Fuggire dalla guerra per un domani migliore

“Questi migranti – spiega fra John Luke Gregory, ofm parroco di Rodi, responsabile operativo per Custodia di Terra Santa – sono siriani, iracheni, afghani, curdi. Non scappano dai loro paesi per ragioni economiche, ma a causa delle guerre. Non hanno più nulla, le loro case sono state distrutte, hanno perso tutto e rischiano di morire sotto i bombardamenti, e perciò fuggono, per cercare di dare ai loro figli la speranza di un futuro differente”. Spesso al loro arrivo nei centri non hanno niente e fra John insieme agli abitanti dell’isola, porta loro cibo e generi di prima necessità come saponi, spazzolini e dentifrici. “Questi articoli per l’igiene – continua padre John – servono a ridare loro una dignità di uomini. Ma la nostra grande attenzione è soprattutto verso i più piccoli. Portiamo non solo vestiti ma anche dolci, giocattoli, e libri, per restituire quel sorriso che spesso gli è stato tolto”.

La difficile realtà dei centri di accoglienza

L’isola di Kos ha un hot-spot per l’accoglienza, l’identificazione e lo smistamento che è stato pensato per 600 persone, ma in realtà ne ospita oltre 3000 in gravi difficoltà, mentre a Rodi, sono collocati in un ex mattatoio vicino al porto, in condizioni igienico-sanitarie fatiscenti. “Molte volte – sottolinea il parroco di Rodi – restano da noi un mese, dopo sono spostati ad Atene. La maggior parte di loro vorrebbe lasciare la Grecia per raggiungere i parenti che già vivono in altri paesi europei, ma non hanno il passaporto e quindi restano bloccati nel nostro paese per un tempo indeterminato. Questo rende la situazione ancora più tragica”.

Un aiuto verso tutti

I frati assistono nell’isola non solo oltre 250 profughi, ma anche le famiglie locali più povere e ogni martedì, al loro convento, vengono distribuiti dei pacchi con beni di prima necessità. “Accogliamo tutti senza discriminazioni – dice fra John – la preoccupazione più grande in questo momento, ce la danno i bambini. Spesso sono traumatizzati da quello che hanno vissuto, abbiamo bisogno di bravi psicoterapeuti che li aiutino a superare i loro traumi, per farli crescere sereni senza sentimenti di odio e rancore”.

Rifugiata. Odissea di una famiglia

Sono proprio gli occhi di una bambina che rivelano la sofferenza che vivono queste persone nel libro: “Rifugiata. Odissea di una famiglia”, scritto da una insegnante catalana Tessa Julià Dinarès, con i disegni di Anna Gordillo Torras, edito dalle Edizioni Terra Santa, dove vengono raccontati le speranze e i drammi di questa gente attraverso la voce dell’infanzia. I proventi della vendita del testo, sono destinati proprio ai rifugiati di Rodi e Kos. (Vatican News).



Marina Tomarro

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits