NOTIZIE > attualita

L'ultimo frate questuante di Vicenza lavora i campi e alleva le mucche

di Gelsomino Del Guercio
L'ultimo frate questuante di Vicenza lavora i campi e alleva le mucche
Credit Foto - Pixabay

Allevatore, contadino e… francescano con il saio. E' la storia di fra Giuliano Castagna, 76 anni, l'ultimo dei frati “questuanti”, uomini di saio e manualità, per secoli sono stati i pilastri che provvedevano al sostentamento d’intere comunità religiose. 


La sua storia la racconta Il Giornale di Vicenza, ed è la testimonianza di come lavoro sodo e profonda spiritualità possano coincidere. Fra Giuliano vive nel convento francescano di San Pancrazio a Barbarano vicentino, alle pendici dei monti Berici, dove i frati sono presenti dal 1501. Oggi ne vivono altri sette insieme al "questuante". 


SVEGLIA ALLE 4 DEL MATTINO

«Purtroppo sono l’ultimo frate questuante del vicentino» spiega fra Giuliano. «La fraternità è una famiglia allargata, e come tale ha bisogno di tutto. Per questo oltre che pregare, ogni giorno c’è molto da fare tra le mura del convento». 


Il suo personale programma giornaliero varia di poco: sveglia alle quattro del mattino per i servizi prima dell’arrivo dei frati. Poi giù in cortile per nutrire le altre “creature”: polli, oche e due manze gemelle, dono dell’ultima questua. Poi la Messa mattutina delle 7 e via nel campo, orto o bosco per il resto della giornata. 


IL LATTE


A seconda delle stagioni si occupa di provvedere al latte fresco per il convento o si sposta in cantina. «Un tempo andavo di casa in casa con la cesta e il furgoncino –racconta il frate questuante - ma oggi mi sono modernizzato, così da salire direttamente sul camion-cisterna che passa a ritirare il latte nelle varie aziende. Tutti mi conoscono e mi accolgono con amicizia, e dopo qualche chiacchiera, i contadini comunicano al “lataroeo” il quantitativo di latte da destinare a noi frati. Il latte viene portato al Caseificio Sociale di Barbarano e trasformato in formaggio, mettendolo a disposizione dei frati a seconda delle necessità». 


LEGGI ANCHE: Il santuario francescano dove la Madonna apparve ad un contadino


LA VENDEMMIA

Lo stesso avviene per l’uva quando arriva nella po di vendemmia: «Qui lascio un quaderno dove i contadini segnano la percentuale di uva destinata alla questua, che verrà trasformata in vino dei frati. Oggi la questua “moderna” si fa così!». «Ma ciò che resta essenziale – precisa fra Giuliano - è il rapporto che s’instaura con le persone. I frati sono ancora visti come parte della famiglia, così che non c’è nessun bisogno di chiedere, perché la Provvidenza passa sempre con generosità attraverso i nostri benefattori». 


LE MANZE GEMELLE

Oltre a saper lavorare la terra, a zapparla e coltivarla, fra Giuliano è anche un ottimo allevatore. Sono «un dono - dice - anche Blue e Gel, le due manze gemelle che alleviamo nella stalla poco distante dalla chiesa». Perché agricoltura e allevamento per l'ultimo dei questuanti camminano di pari passo!


LEGGI ANCHE: Preghiera per il contadino a Sant'Ignazio da Laconi



Gelsomino Del Guercio

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits