NOTIZIE > attualita

L'odissea degli ultimi. Chi salva i migranti sulla strada

L'odissea degli ultimi. Chi salva i migranti sulla strada
Credit Foto - Avvenire

Tanti 'presepi viventi', proprio come Yousuf e Faith. Tanti madri, padri e figli. Uomini e donne sole. Tutti improvvisamente senza tetto né tutela. Decine di migliaia, 40mila per il momento (sono quelli che godevano della protezione umanitaria) molti di più nei prossimi mesi. Perché ci saranno anche quelli a cui verrà rifiutata ogni forma di protezione. È l’effetto del decreto sicurezza firmato Salvini e promulgato ieri dal presidente della Repubblica. Una nuova legge che metterà a dura prova il sistema dell’ospitalità.

 

Buoni samaritani in campo


Ora hanno una casa. Il 'presepe vivente' di Crotone, padre, madre incinta di tre mesi e piccola bimba, cacciati dal Cara, ha già trovato un tetto sopra la testa e un letto su cui riposare. Merito di un gruppo di parrocchiani della provincia di Crotone che, senza farsi pubblicità, ha contattato la Caritas cittadina (come spieghiamo nel box a fianco, ndr) e si è attrezzata per dare soluzione immediata al problema creato dalla norma. Ha funzionato, qui come in altri casi, il silenzioso gioco di squadra delle istituzioni: Prefetture, terzo settore, enti locali. Il territorio c’è dunque, più forte delle asprezze provocate dalla politica nazionale. L’accoglienza gratuita delle Caritas, di Migrantes e Sant’Egidio, che si è già messa in moto per assistere gli ultimi e gli invisibili. Ma anche quella più laica, dei cittadini che non si arrendono ai muri e ai respingimenti.

 

Come la famiglia di Maria Caterina di Palermo che dopo aver letto la storia di Yousuf e Faith ha scritto ad Avvenire per offrire la propria disponibilità ad ospitarli. Oppure come le famiglie di Torino che, «pur non avendo ancora ricevuto alcuna comunicazione ufficiale dalla prefettura – racconta Sergio Durando di Migrantes – stanno già pensando come fare per continuare ad ospitare quei migranti che sono già entrati nei loro cuori». «La circolare diffusa dal Viminale alle prefetture è spiazzante – sottolinea Oliviero Forti di Caritas – perchè non dice cosa sarà di queste persone che fino a poche ore fa avevano una casa, studiavano l’italiano e avevano magari anche un lavoro. Per il momento cerchiamo di rispondere alle loro urgenze, intanto a gennaio abbiamo già convocato un’assemblea generale di tutte le Caritas per mettere a punto un sistema».

 

La difesa del Viminale


Se per Asgi, l’associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, il decreto produrrà l’effetto di una «bomba sociale», secondo il ministero dell’Interno si tratta solo di «bufale» che vanno «smontate». Sono previsti «più diritti per i veri rifugiati e meno sprechi» segnala il Viminale, sottolineando che il testo «non è retroattivo. Chi ha il permesso per motivi umanitari e si trova giá nello Sprar potrà rimanervi fino alla fine del progetto di integrazione ». Il capo di gabinetto del ministero, Matteo Piantedosi, precisa le attese del governo sulla nuova accoglienza. «Stimiamo che tra un anno o due, quando ci sarà la piena attuazione della legge, avremo un numero complessivo di persone titolari di permesso di asilo e protezione internazionale maggiore di quello di adesso per quanto riguarda lo Sprar».

 

Ma le polemiche sugli effetti creati nel sistema dell’accoglienza non si fermano. «Nella nuova norma c’è una profonda ostilità – aggiunge Gianfranco Schiavone, vice presidente Asgi – non solo avremo nuovi 'clandestinizzati' ma anche un numero non irrilevante di persone che avranno un titolo di protezione (quello speciale, ndr) ma nello stesso tempo saranno private di ogni assistenza». Anche di quella sanitaria. Un emendamento alla manovra ha fatto saltare infatti il vincolo sui fondi per curare i migranti. Oltre 30 milioni finora vincolati a garantire l’assistenza sanitaria agli stranieri non iscritti al Aervizio sanitario nazionale che dal 2019 confluiscono «nella quota indistinta del fabbisogno standard nazionale».

 

Intanto, sia pur senza clamori, è già scattata la caccia al 'clandestino'. Controlli straordinari alla stazione Termini di Roma hanno portato alla denuncia a piede libero, fra l’altro, di tre nordafricani che, per evitare il controllo e l’identificazione, hanno opposto resistenza ai carabinieri e 7 cittadini stranieri sorpresi a permanere, senza motivo, all’interno della stazione. Altre 5 persone sono state denunciate per l’inosservanza del foglio di via emesso nei loro confronti. «Il nostro Paese è capace di tirar fuori energie inaspettate anche dalle situazioni più complicate» conclude senza dubbi il responsabile immigrazione di Caritas, Oliviero Forti.


Daniela Fassini, Avvenire 




Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits