NOTIZIE > attualita

Elezioni, Parolin: “Continueremo a educare la popolazione a una visione positiva dei migranti”

Elezioni, Parolin: “Continueremo a educare la popolazione a una visione positiva dei migranti”
Credit Foto - La Stampa, Vatican Insider

La Santa Sede proporrà sempre un messaggio di solidarietà. Sui risultati delle elezioni in Italia, con la vittoria di partiti che hanno impostato la campagna elettorale contro i migranti, il cardinale Pietro Parolin dichiara che l’«importante è riuscire a educare la popolazione a una visione positiva dei migranti». E il Vaticano continuerà a farlo. Parola del Segretario di Stato. 

Il Porporato lo dichiara oggi, 6 marzo 2018, al Sir a margine dell’incontro della Commissione internazionale cattolica per le Migrazioni (Icmc) - che opera ora in stretto contatto con la sezione migranti e rifugiati del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo umano integrale - in corso a Roma.  

 

La Santa Sede «sa che deve lavorare nelle condizioni che si presentano. Noi non possiamo avere la società che vorremmo, non possiamo avere le condizioni che vorremmo avere. Quindi credo che, anche in questa situazione, la Santa Sede continuerà la sua opera di educazione, che richiede molto tempo», dice il Cardinale.  

 

Per Parolin l’«importante è riuscire a educare la popolazione a passare da un atteggiamento negativo a un atteggiamento più positivo nei confronti dei migranti». È un lavoro «che continua, anche se le condizioni possono essere più o meno favorevoli. Da parte della Santa Sede ci sarà sempre questa volontà di proporre il suo messaggio fondato sulla dignità delle persone».  

 

Alle organizzazioni cattoliche impegnate in prima linea nell’accoglienza e nell’integrazione dei migranti Parolin consiglia di andare avanti nell’impegno «per creare una visione positiva della migrazione. Perché ci sono tanti aspetti della migrazione positivi che all’interno di tutta questa complessità non si percepiscono».  

 

Il Porporato esorta le organizzazioni a proseguire «il lavoro sul terreno perché questo le contraddistingue e caratterizza, ma al tempo stesso non avere paura di aiutare la popolazione ad avere questo nuovo approccio». 

 

Sulla necessità di conciliare le esigenze di sicurezza dei cittadini e i bisogni di chi fugge da situazioni difficili osserva: «Non è facile, dobbiamo riconoscerlo. Ma questa è una sfida che spetta alla politica, ossia conciliare le due esigenze, ambedue imprescindibili. È logico, i cittadini devono sentirsi sicuri e protetti ma allo stesso tempo non possiamo chiudere le porte in faccia a chi sta fuggendo da situazioni di violenza e di minaccia».  

 

A questo proposito invita a «lavorare tutti insieme, che è un altro aspetto fondamentale. È una indicazione di metodo: tenere conto della difficoltà, voler trovare delle soluzioni e farlo tutti insieme». 

 

Nel suo intervento all’Assemblea plenaria della Commissione (che terminerà l’8 marzo), Parolin confida che «ormai la migrazione è nell’agenda di ogni incontro che ho con Autorità di governo che vengono in Vaticano, o che vado a visitare».  

 

Serve un «cambio di atteggiamento» nei confronti del capitolo migrazioni, così come chiede il Papa, ammonisce il Segretario di Stato vaticano. «Uno degli impegni difficili che si prospettano più urgenti e richiesti oggi - osserva - è proprio quello di lavorare perché avvenga questo cambio di atteggiamento, abbandonando la cultura dominante “dello scarto” e del rifiuto».  

 

Il Porporato richiama alla necessità di una «reale ed equa collaborazione e condivisione a livello internazionale delle responsabilità e degli oneri legati all’accoglienza».  

 

Parolin evidenzia anche l’approccio in controtendenza dei ragazzi nei confronti dei migranti: «Agli atteggiamenti di chiusura vediamo contrapporsi positivamente quelli di molti giovani che ritengono la migrazione come una dimensione normale della nostra società, resa interdipendente dai collegamenti veloci, dalle comunicazioni, dalla necessità di rapporti su scala mondiale. Sono dimensioni nelle quali possiamo davvero vedere dei “segni dei tempi” che spingono alla solidarietà su una scala globale».


Domenico Agasso Junior




Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits