NOTIZIE > attualita

Cosa succede alla nostra società? di padre Mauro Gambetti

La divisione si insinua nei “regni”, nazionali e sovranazionali, a partire dal modo di governare, ovvero dalla coesione o dalla frammentazione del popolo intorno ai propri rappresentanti.

di Mauro Gambetti
Cosa succede alla nostra società? di padre Mauro Gambetti
Credit Foto - Pixabay

Un focus sul vecchio continente. L’Europa appare centrifugata dalle economie di mercato e finanziarie e, mentre prova ancora ad alimentare il sogno dei padri fondatori – pace, unità e prosperità –, si lascia guidare dal rapporto costi-benefici, un principio “sacro” divenuto oramai obsoleto e nefasto. Non per nulla una cultura di morte ha ridotto al lumicino le speranze di una discendenza autoctona nel continente.

Una nota sulla nostra amata Nazione. L’Italia si è risvegliata frammentata e impacciata dopo la grande abbuffata di democraticismo e benessere a basso costo. Il nostro Parlamento ne è lo specchio. Le Regioni navigano a vista. I comuni, costretti ad assumere il ruolo di enfant prodige della politica, spesso sembrano giocattoli messi in mano a bambini. Le istituzioni fondamentali dello Stato (famiglia, scuola, lavoro) sono in balìa del liberismo, del consumismo e di un populismo radical chic.

Un commento. A me pare che vi sia in atto un processo drammatico di divisione e di disgregazione istituzionale e individuale.

Una interpretazione. Mi tornano alla mente le parole di Gesù: se un regno è diviso in sé stesso, non può reggersi. È ovvio che la divisione si insinua nei “regni”, nazionali e sovranazionali, a partire dal modo di governare, ovvero dalla coesione o dalla frammentazione del popolo intorno ai propri rappresentanti.

Si sa, la politica moderna ruota attorno all’economia. E se è vero che spesso è il mercato a dare il via alle relazioni interpersonali (e/o internazionali), è altrettanto vero che molte volte esso è l’origine della disgregazione.

Nella storia, è stata la moneta a favorire lo scambio di beni e servizi, mentre tecnologia e finanza costituiscono un facilitatore universale dello sviluppo d’impresa e della crescita del capitale. Oggi, come mai prima d’ora, sono in gioco grandi potenzialità... e grandi rischi. Quando i soldi, la tecnologia e la finanza non sono più uno strumento di servizio cominciano i guai, grossi. Se vengono confusi con dei valori assoluti – da desiderare, cercare e servire – è l’inizio della fine. Così in questo primo scorcio del terzo millennio.

Colpisce come un pugno in faccia il rapporto sulle risorse economiche che traccia la distribuzione delle ricchezze nel mondo: 8 uomini posseggono beni pari a quelli di 3,6 miliardi di persone; l’1% della popolazione mondiale possiede il 99% della ricchezza; in Italia l’1% della popolazione più facoltosa possiede il 25% della ricchezza nazionale netta. E si potrebbe continuare. La spaccatura tra ricchi e poveri è sempre più netta ed ampia. Il mercato economico, come un grande regno, è diviso in sé stesso. La corruttela è diffusa come la zizzania in un campo non lavorato. I ricchi hanno sempre più paura per il loro futuro e si isolano.

I “poveri” delle classi medie e borghesi litigano. Un regno diviso in sé stesso non può reggersi. Una esortazione. Ricominciamo dall’insegnamento di Francesco per i suoi frati, invitati a considerare il denaro come sterco. Lo sterco non è appetibile e quando lo si utilizza lo si fa con distacco, con opportuni accorgimenti, senza lasciarsene coinvolgere. Gli accumuli non vengono trattenuti a lungo e volentieri vengono ridistribuiti per concimare i campi. Ricordiamolo: i soldi, la tecnologia, la finanza sono come lo sterco. Staremo tutti molto meglio.


Mauro Gambetti

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Articoli simili
WEB CAM
la cripta
di San Francesco
Abbonati ONLINE
Rivista
San Francesco
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits