NOTIZIE > attualita

ALESSIO FIGALLI "NOBEL" DELLA MATEMATICA

di Santino Cundari
ALESSIO FIGALLI
Credit Foto - Freepik

Alessio Figalli, trentaquattrenne matematico romano, è stato insignito della medaglia Fields – conosciuta anche come “Nobel per la matematica”. Il prestigioso riconoscimento torna così in Italia, ben 44 anni dopo l’ultimo (nonché unico) precedente. Nel 1974 il premio andò a Enrico Bombieri, talento precocissimo che collaborò con scienziati del calibro di Ennio de Giorgi ed Enrico Giusti.

Il premio esiste dal 1936 ed è assegnato ogni quattro anni, sempre in occasione del Congresso Internazionale dei Matematici. Possono esserne insigniti solo quegli studiosi che hanno portato «straordinari contributi in campo matematico» e, inoltre, i candidati alla Fields non devono aver compiuto quarant’anni alla data di assegnazione.

Figalli, formatosi alla Scuola Normale Superiore di Pisa, data la sua giovane età avrebbe potuto riceverlo anche nel 2022, ma i risultati da lui ottenuti hanno portato i membri della commissione ad “anticipare” questa assegnazione.

Dopo aver lavorato all’Università di Nizza, all’Ecole Polytechnique di Palaiseau e all’Università del Texas di Austin (Usa), dal 2016 Figalli è professore presso l’ETH di Zurigo. I suoi teoremi affrontano problemi legati al trasporto ottimale, alla teoria delle equazioni derivate parziali e alla probabilità. (Famiglia Cristiana).



Santino Cundari

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits