BLOG > blog

Edoardo Scognamiglio

E venne ad abitare in mezzo a noi...

Francesco d’Assisi considerava il Natale come la “festa delle feste” e profondamente si commuoveva innanzi all’umiltà di Dio che, nel Verbo della vita, discese in mezzo a noi svuotandosi completamente, sino al dono estremo della vita. Per questo voleva che, per tale solennità, anche le mura dei conventi fossero spalmate di carne e che nessun animale restasse senza cibo. Dio è venuto per tutti e si è per sempre legato a noi e, dunque, resta dalla nostra parte.Èl’Emmanuele, il Dio-con-noi, il Dio-per-noi!

La culla di Betlemme – paglia e fieno – è l’altare dove s’impara ad amare, l’unico pulpito credibile che insegna a vivere per gli altri, a donarsi senza riserve per il bene degli uomini e delle donne di ogni tempo e anche per il mondo che abitiamo. A Greccio, Francesco contemplò la kenosisdel Figlio di Dio fatto uomo: in mezzo a noi come noi, in tutto simile alla nostra storia di creature; ma in tutto simile al Padre, Dio vero da Dio vero, generato e non creato della stessa sostanza del Padre. Gesù, Luce da Luce, è la carne di Dio, un Dio di carne: in lui si scambiano – come in un abbraccio tenero e duraturo, personale – la nostra umanità e la sua divinità.

Il Natale francescano ispira il sentimento della tenerezza. È la tenerezza di “essere simili”. A Greccio, il Poverello contemplò la carne di Dio donata per noi: Gesù Cristo. Al Poverello gli fu connaturale rivedere nella mangiatoia il tabernacolo dell’amore di Dio: carne e pane, corpo e parola, sangue e spirito, umanità e divinità, si rivelano nella meravigliosa sintesi dell’incarnazione del Verbo. Dio, in Cristo, è divenuto simile a noi e, noi, in Cristo, siamo divenuti simili a Dio. Questo mirabile dono – “tenero scambio” – è l’unico e vero sacrumcommercium che Francesco amò e ritenne per sé, come forma di vita, ossia come Vangelo vivente, vita fatta Vangelo. Il Natale e l’Eucaristia insegnano e rivelano il vero significato della povertà: esistere per gli altri ed essere per sempre grati a Dio e ai fratelli e alle sorelle per il dono della vita.

Èdalla tenerezza di “essere simili” che dobbiamo e possiamo prenderci cura gli uni degli altri, amando Dio nel prossimo, cercando il volto di Gesù negli ultimi, in chi non è amato, né cercato, né voluto o si trova solo al mondo. Il Natale è la festa della tenerezza di Dio e anche dell’uomo. Perché la tenerezza è quel profondo sentimento di dolcezza e affetto, spesso associato a commozione, che ammorbidisce il cuore e gli animi e ispira azioni e parole affettuose che esprimono sentimenti profondi. Chi è tenero è capace di grandi slanci, di abbracciare, di correre verso il prossimo, di soccorrere, di perdonare, di fare non uno ma cento passi verso i fratelli e le sorelle in difficoltà. Dio ha provato per noi un’infinita tenerezza e ci ha colmato con il suo amore, ossia con Gesù Cristo. Se è vero che, in senso figurato, “tenerezza” significa “sentimento di dolce commozione, di profonda, delicata dolcezza che nasce dall’amore”,allora il Padre, manifestandosi nella carne del Figlio, ha rivelato tutto il suo affetto – la sua morbidezza – per noi. In Cristo, Verbo fatto carne, Dio si commuove per noi.“Tenerezza” può diventare per il Natale l’altro nome della “Misericordia”: Dio, infatti, ci custodisce nel bene che è Gesù Cristo! A Natale raccontiamo la tenerezza di Dio per l’uomo, per tutti i suoi figli e le sue figlie, per ciascuno di noi, per i nostri amici, finanche per i nostri nemici!

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO BLOG

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento:
Blog di Edoardo Scognamiglio

San Francesco, modello di pace e unità

Leggi il Blog | Commenti (0)

Miriam e la luce del Risorto

Leggi il Blog | Commenti (0)

La nostra speranza è Gesù Cristo, il Crocifisso-Risorto

Leggi il Blog | Commenti (0)

Amare nonostante la sventura del male

Leggi il Blog | Commenti (0)

Il fragile dono della Vita consacrata: fidarsi di Cristo è bello

Leggi il Blog | Commenti (0)

Catastrofi naturali: Perché agli innocenti non è risparmiato tanto dolore?

Leggi il Blog | Commenti (0)

Il Padre misericordioso

Leggi il Blog | Commenti (0)

Guardare oltre per arricchirsi davanti a Dio

Leggi il Blog | Commenti (0)

Terrorismo: continuare ad amare nonostante la sventura del male

Leggi il Blog | Commenti (0)

IL MONDO COME SACRAMENTO

Leggi il Blog | Commenti (0)

L'anziano non e' un alieno...

Leggi il Blog | Commenti (0)

La vita consacrata come luogo di frontiera e le attese di papa Francesco

Leggi il Blog | Commenti (0)

Sete di Gesu' – desiderio di unita'

Leggi il Blog | Commenti (0)

Abbiamo bisogno della pace

Leggi il Blog | Commenti (0)

Che cosa sarebbe la Chiesa senza Francesco?

Leggi il Blog | Commenti (0)

Francesco non e' papa

Leggi il Blog | Commenti (0)

Si possono amare i nemici? Come è difficile essere cristiani

Leggi il Blog | Commenti (0)

Si possono amare i nemici? Come e' difficile essere cristiani

Leggi il Blog | Commenti (0)

Le vecchiette e il teologo

Leggi il Blog | Commenti (0)

Il cristiano deve camminare sempre

Leggi il Blog | Commenti (0)

Una questione di cuore

Leggi il Blog | Commenti (0)

La Chiesa e' una grande famiglia

Leggi il Blog | Commenti (0)

Il mondo soffoca senza dialogo

Leggi il Blog | Commenti (0)

Il dialogo non e' mai una perdita di tempo

Leggi il Blog | Commenti (0)

Servire con il cuore di Cristo: la missione di vescovi, sacerdoti e diaconi

Leggi il Blog | Commenti (0)

Come vogliamo vivere?

Leggi il Blog | Commenti (0)

Nella Galilea delle genti

Leggi il Blog | Commenti (0)

Il sacramento che fa crescere la Chiesa

Leggi il Blog | Commenti (0)

La famiglia e' il motore del mondo e della storia

Leggi il Blog | Commenti (0)

Accoglienza, festa e missione: le tre parole di papa Francesco

Leggi il Blog | Commenti (0)

Nella Chiesa c'e' posto per tutti e nessuno e' inutile

Leggi il Blog | Commenti (0)

Fidiamoci di Cristo

Leggi il Blog | Commenti (0)

Con i giovani per annunciare il Vangelo
Il viaggio di Papa Francesco in Brasile

Leggi il Blog | Commenti (0)

Papa Francesco a Lampedusa per vincere indifferenza con il dono delle lacrime

Leggi il Blog | Commenti (0)

Cercare l'unita' nella Chiesa e tra i cristiani

Leggi il Blog | Commenti (0)

La legge dell'amore per aprire le porte e annunciare il Vangelo

Leggi il Blog | Commenti (0)

Sequela, comunione e condivisione

Leggi il Blog | Commenti (0)

Evangelizzare ci tira su e ci da' gioia

Leggi il Blog | Commenti (0)

Giocare la vita per grandi ideali

Leggi il Blog | Commenti (0)

La risurrezione che ci apre alla speranza e il ruolo delle donne

Leggi il Blog | Commenti (0)

Mi piace questo papa!!!

Leggi il Blog | Commenti (0)

Il sogno di Francesco e del papa: riformare la Chiesa a partire dalla propria vita

Leggi il Blog | Commenti (0)

Vedo la Chiesa viva! L'ultimo saluto di Benedetto XVI

Leggi il Blog | Commenti (0)
WEB CAM
la cripta
di San Francesco
Abbonati ONLINE
Rivista
San Francesco
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits