BLOG > blog

Franco Cardini

Bonaventura da Bagnoregio, una biografia univoca su San Francesco

Un breve intelligente saggio di Massimo Cacciari ha istituito una dialettica net- ta e profonda tra due modi d’intendere Francesco: quello del suo rapporto con la Povertà, espresso non solo nel trattato Sacrum Commercium ma anche nel celebre canto XI del Paradiso dantesco; e quello ispirato alla disciplina e all’obbedienza al Papa e alla Chiesa che anima di sé l’immagine degli affreschi giotteschi della Basilica superiore del Sacro Convento di Assisi i quali seguono fedelmente la consegna della Legenda maior sancti Francisci scrivendo la quale Bonaventura da Bagnoregio, divenuto nel 1257, a trentasei anni, ministro generale dei Frati Minori, intese sostituire tutte le precedenti per offrire finalmente una visione “normalizzata” e perfettamente “ortodossa” del Santo d’Assisi.

 Bonaventura aveva dato ordine a tutti i conventi minoriti di ricercare e distruggere le vite del Santo precedenti la sua, in modo da spazzar via qualunque interpretazione alternativa. Ciò, accompagnato dai furibondi attacchi dei quali lo fece cenno la propaganda degli “spirituali” – e che si riflettono nel ritratto inquietante e quasi diabolico che ne fa un Fioretto – ha lasciato in molti l’impressione che il doctor seraphicus fosse soprattutto, se non wsclusivamente, un politico risoluto, un inflessibile organizzatore, un rigoroso fautore della disciplina.

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO BLOG

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento:
WEB CAM
la cripta
di San Francesco
Abbonati ONLINE
Rivista
San Francesco
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits